Ticino e Grigioni

Bloccata un’inchiesta di Patti Chiari

Un provvedimento super cautelare ferma la diffusione di un servizio sui cosiddetti PFAS, inquinanti eterni che contaminano pesci e terreno anche in Ticino

  • 29 settembre 2023, 16:39
  • 8 dicembre 2023, 11:23
  • INFO
  • Patti Chiari
806f934ff66c667bc3737f8bb3efee82_806f934ff66c667bc3737f8bb3efee82_20230926_132422_kf.jpg
Di: Patti Chiari

Il titolo è di quelli che vanno dritti all’obiettivo: Inquinanti eterni, ovvero gli PFAS, sostanze per- e polifluoroalchiliche.  L’industria ne fa uso da decenni e contaminano terra, acqua e cibo. In Europa ci sono almeno 2’000 punti in cui la contaminazione raggiunge punti da rivelarsi pericolosa per la salute.

E la Svizzera, anche quella italiana, non è affatto risparmiata.

Partendo da queste informazioni il programma Patti Chiari ha indagato sui luoghi, sulle fonti ed è andato alla ricerca dei PFAS nelle acque di fiumi e laghi, visto che proprio lì confluiscono questi inquinanti eterni prima di essere assorbiti dai pesci.

Questo il tema che il programma della RSI dedicato ai consumatori aveva in programma questa sera.

Il servizio previsto è stato però oggetto di una decisione supercautelare, emessa oggi dal pretore di Ginevra su richiesta dei legali di una importante azienda ticinese, che ci vieta di rendere pubbliche le informazioni che avevamo raccolto. Il magistrato ha deciso – come gli consente la legge - senza aver sentito Patti Chiari.

L’inchiesta di Patti Chiari oltre a svelare i punti critici mostra anche quali sono i laghi i fiumi più inquinati da PFAS grazie all’analisi effettuata su 30 pesci pescati in tutta la Svizzera.

Il Ticino è in vetta a questa poco invidiabile classifica con alcuni pesci che hanno assorbito quantitativi di PFAS davvero preoccupanti per la salute umana.

Questi inquinati sono composti chimici che – spesso a nostra insaputa – ci accompagnano nella vita quotidiana. Si trovano ovunque: padelle, tessuti impermeabili, imballaggi, schiume antincendio, perfino nella carta igienica.

Nell’Unione europea si sta valutando se inasprire regole e divieti e anche in Svizzera – dove dal 2011 due di queste molecole sono già state bandite - ci si interroga. Insomma un tema di grande interesse pubblico e proprio per questo motivo la RSI, pur rispettando l’ordine del pretore, si riserva di utilizzare tutti gli strumenti legali a disposizione per poter far fronte adeguatamente al suo dovere di informazione.

Videosorveglianza, siamo davvero al sicuro?

Patti chiari 22.09.2023, 21:10

  • ©Ti-Press

Correlati

Ti potrebbe interessare