Ticino e Grigioni

Conoscere (e gestire) un cane da protezione

Anche in Ticino sono sempre di più gli allevatori che ne desiderano uno, ma per averlo servono una procedura e un corso specifico – Reportage dalla Valle di Blenio

  • 19 novembre 2022, 06:50
  • 24 agosto 2023, 11:39
  • INFO

I cani da protezione delle greggi

Il Quotidiano 18.11.2022, 20:00

“Il cane abbaia perché tendenzialmente difende le sue pecore, perciò fa il suo lavoro”. Anche nella Svizzera Italiana, complice la presenza sempre più diffusa dei lupi, sono sempre di più gli allevatori che desiderano un cane da protezione delle greggi. Ma non tutti sanno che bisogna seguire una procedura cantonale e un corso specifico.

La citazione di apertura è di Luana che, con il compagno, gestisce la Fattoria Bio di Ludiano, dove la RSI è andata a seguire una giornata di formazione dedicata proprio a questi cani. Nell’azienda bleniese sono tre gli esemplari che proteggono le greggi: “Il fatto più eclatante, che ci ha convinti a prendere i cani, è avvenuto una sera di qualche tempo fa: rientrando abbiamo trovato un agnello appena nato con la testa mangiata da una volpe, avevamo tante volpi nei paraggi… e così abbiamo preso i cani” dice ancora Luana.

“Sono cani che nascono a contatto con il bestiame – spiega da parte sua l’esperta di Agridea Elena Stern –, sono socializzati da subito con il bestiame che un domani proteggeranno. Loro sono lì proprio per proteggere i loro animali, e non per essere spostati da un pascolo all’altro, come spesso si intende per cane pastore”.

Nell'azienda bleniese si tengono i corsi, coordinati dall'associazione Agridea, per capire meglio cosa sia un cane da protezione. Li frequentano i futuri detentori o persone che ne hanno fatto richiesta. Per averli bisogna infatti annunciarsi all'Ufficio cantonale della consulenza agricola e, una volta ottenuti, la Confederazione sostiene i padroni con dei contributi a favore della protezione delle greggi. Le razze riconosciute in Svizzera sono il pastore abruzzese o il cane da montagna dei Pirenei.

Guarda il reportage completo.

Correlati

Ti potrebbe interessare