Ticino e Grigioni

Cresce il sostegno all'OSI, ma Locarno non ci sente

L'Orchestra della Svizzera italiana è vicina al pareggio dei conti e il presidente della Fondazione richiama la città che non ha ancora contribuito

  • 16 May 2023, 16:51
  • 15 September 2023, 09:54
  • INFO

L'OSI cerca l'indipendenza finanziaria

Il Quotidiano di martedì 16.05.2023

Di: SEIDISERA/RedMM

Attorno all'Orchestra della Svizzera italiana (OSI) si percepisce un sostegno economico accresciuto. A confermare il crescendo è Mario Postizzi: "Mi sembra che tiri un'aria nuova", ha detto martedì il presidente della Fondazione AOSI, parlando di un aumentato coraggio da parte delle autorità. L'occasione è stata la presentazione della stagione 2023-24.

"Credo ci sia stata - ha aggiunto Postizzi - una presa di coscienza, specialmente da parte del Cantone e della Città di Lugano, sul fatto che l'orchestra va sostenuta per le sue qualità e per quello che sa offrire al territorio dal profilo culturale".

SEIDISERA DEL 16.05.2023: OSI alla ricerca di stabilità finanziaria

  • TiPress
  • 16.05.2023
  • 16:45

Lo spartito è naturalmente quello finanziario dove le ripercussioni legate alla pandemia sembrano alle spalle, ma non del tutto. "Non possiamo nascondere che ci manca ancora qualche franco per riuscire ad arrivare a pareggio, nonostante gli aiuti che riceviamo", ha ammesso il direttore amministrativo, ad interim, Samuel Flury.

Si è quindi proceduto a un piano di contenimento dei costi, ma la soluzione non è sostenibile a lungo termine: "In un'orchestra, se si va sul medio e lungo periodo, questo significa - ha sottolineato Flury - tagliare anche sulla qualità. In paralllelo ci siamo mossi anche per generare maggiori ricavi e abbiamo trovato dei nuovi finanziatori".

La nota stonata è rappresentata da quei comuni che sembrano aver fatto orecchie da mercante. "Manca all'appello Locarno, per una dinamica che mi sfugge, perché è una città in grado di finanziare e lo può fare non tanto a fondo perso, ma dando soldi per un'esibizione di loro interesse", ha osservato Postizzi.

L'obiettivo resta infatti la stabilità finanziaria a lungo termine che, ha proseguito il presidente della Fondazione Amici dell'Orchestra della Svizzera italiana, "ci permetterebbe di affrontare più serenamente il cambio generazionale che presto avverrà nell'orchestra. I contratti non possono essere annuali e il nostro intendimento è di coinvolgere le giovani generazioni".

Dovrà essere designato il nuovo direttore artistico, la selezione fra chi ha concorso è già iniziata, ma sui nomi c'è il massimo riserbo. Una volta fatto questo passo si penserà anche al successore del direttore principale Markus Poschner, che lascerà a fine 2025.

Non desta invece preoccupazioni l'apprezzamento dell'offerta con un'occupazione delle sale ai concerti che supera il 90%. L'obiettivo è di conquistare nuovi tipi di pubblico. Uno dei progetti, dedicato ad Halloween, si terrà al Palacinema di Locarno.

Correlati

Ti potrebbe interessare