Ticino e Grigioni

Riforma fiscale, il Governo va di “cancellino” elettronico

Dopo il reclamo della co-presidente del PS, il Consiglio di Stato corregge lo svarione nell’opuscolo informativo, ma solo sul web - Laura Riget: “Importante che sia stato riconosciuto l’errore”

  • 24 maggio, 16:02
  • 27 maggio, 10:39
  • INFO
Nessun nuovo invio dell'opuscolo.jpg

Nessun nuovo invio dell'opuscolo

  • Tipress
Di: Spi

Non avvia la rotativa il Consiglio di Stato, ma corregge, “nella versione elettronica dell’opuscolo”, l’errore segnalato venerdì da un reclamo presentato dalla co-presidente del PS Laura Riget. Quest’ultima aveva chiesto di “correggere la comunicazione alla popolazione con i mezzi più adeguati”. A caldo, interpellata dalla RSI, la co-presidente del PS lascia intendere che la questione dovrebbe finire qui: “Ma valuteremo nei prossimi giorni - dice Riget -. È comunque importante che il Consiglio di Stato abbia riconosciuto l’errore e che i media veicolino la correzione”.

Il Governo informa, con una nota, che nell’intestazione delle colonne delle tabelle riportate alle pagine 18 e 19 dell’opuscolo informativo della votazione del 9 giugno 2024, è stata sostituita l’indicazione «Imposta dovuta per la sostanza massima di ogni categoria» in «Imposta dovuta per il reddito massimo di ogni categoria» e l’indicazione che le aliquote sono espresse in «%» e non in «‰».

Nella presa di posizione il Consiglio di Stato rileva tuttavia che sia dal testo di spiegazione dell’oggetto sia dal testo della modifica legislativa emerge in maniera chiara e inequivocabile che la votazione del 9 giugno si riferisce all’imposta sul reddito e non a quella sulla sostanza.

La versione corretta è pubblicata sulla pagina web www.ti.ch/votazioni.

Ticino tra riforme e investimenti

Modem 24.05.2024, 08:30

  • Getty Images
  • Laura Riget
  • Governo
  • Consiglio di Stato

Correlati

Ti potrebbe interessare