Ticino e Grigioni

Sciare nei Grigioni costerà di più

L'associazione dei gestori delle funivie retiche prevede un aumento del 3-5% dei prezzi delle giornaliere e della ristorazione

  • 29 August 2022, 19:12
  • 23 June 2023, 20:46
  • INFO

GrigioniSera 19.00 del 29.08.22: il servizio di Patrick Colombo

Di:GS/Diem

Sciare nei Grigioni dal prossimo inverno sarà più caro. Al pari di quanto accadrà in altri cantoni alpini, gli amanti della neve dovranno fare i conti con un rincaro delle giornaliere. E non solo. Lo ha confermato alla RSI il direttore di Bergbahnen Graubünden, l'associazione dei gestori delle funivie, Marcus Gschwend. I nuovi prezzi non sono ancora stati tutti pubblicati, ma in media ci si attende un rincaro del 3-5% tanto per gli skipass quanto per i servizi di ristorazione.

Tra i comprensori più gettonati, alcuni hanno già reso note le proprie tariffe per l'inverno 2022/2023. A Davos-Klosters, Arosa/Lenzerheide e Savognin una giornaliera per un adulto senza riduzioni costerà tra un minimo di 63 e un massimo di 84 franchi.

"I ritocchi verso l'alto sono da ricondurre all'inflazione, che si aggira tra il 3 e il 5% - spiega Marcus Gschwend -. Ovviamente incidono i prezzi dell'energia elettrica e dei carburanti saliti alle stelle. Sono inoltre da considerare i rincari dovuti ai rallentamenti delle forniture durante la pandemia. Infine, i gestori degli impianti devono tenere conto delle aspettative dei loro collaboratori, che rivendicano aumenti salariali".

Ti potrebbe interessare