Ticino e Grigioni

Via libera ai 29 milioni per il Palazzo degli Studi

Si sono conclusi mercoledì, prima della pausa estiva, i lavori del Gran Consiglio ticinese, con le ultime trattande all’ordine del giorno

  • 19 giugno, 19:51
  • 19 giugno, 22:08
gran consiglio

Il Gran Consiglio ticinese

  • Tipress
Di: SEIDISERA/RSI Info

Il restauro interno del Palazzo degli studi di Lugano. L’adeguamento dello stabile Villa Ortensia all’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale (OSC) di Mendrisio. E una modifica della Legge sul registro dei tumori. Mercoledì il Gran Consiglio ticinese ha esaurito i temi all’ordine del giorno, concludendo così i dibattiti prima della pausa estiva.

Una giornata in cui non si è più parlato della bocciatura di ieri dei conti consuntivi 2023. Insomma, la questione è definitivamente archiviata, tanto che sul mezzogiorno il Governo ha incontrato la Commissione della gestione per discutere già del Preventivo 2025. L’obiettivo è di arrivare al voto con un po’ più di convergenza con il Parlamento rispetto allo scorso febbraio.

Gobbi e l’autosospensione

In apertura di sessione, poi, il presidente del Governo, Christian Vitta, ha voluto chiarire la posizione del collega Norman Gobbi, che ieri aveva dichiarato di “non considerarsi più autosospeso” dal ruolo di responsabile della polizia. Vitta ha ribadito che l’autosospensione è una scelta personale, ma che il completo reintegro di Gobbi è di competenza del Governo e avverrà solo dopo che lo stesso Governo avrà accesso agli atti giudiziari relativi all’ormai noto incidente stradale.

I crediti approvati

Per quanto riguarda i vari temi che erano in programma per oggi, citiamo l’approvazione senza opposizioni dei 29 milioni di franchi per il restauro interno del Palazzo degli studi di Lugano, così come dei quasi sei milioni per l’adeguamento dello stabile Villa Ortensia all’OSC di Mendrisio. Non è per contro stata accolta la proposta di Matteo Pronzini dell’MPS di annotare anche il nome delle aziende nel registro dei tumori (proposta avanzata perché, secondo il promotore, il luogo di lavoro può avere un nesso con l’insorgenza di un tumore).

Gran Consiglio, la cronaca

Il Quotidiano 19.06.2024, 19:00

All’ordine del giorno c’era anche un messaggio relativo a un credito di 800’000 franchi per il progetto di massima della funivia Fusio-Ambrì. Un messaggio che il Consiglio di Stato ha però ritirato per effettuare ulteriori approfondimenti.

Il parlamento ticinese tra crediti e consuntivi

SEIDISERA 19.06.2024, 18:34

  • Ti-Press
  • Christian Vitta
  • Norman Gobbi
  • Palazzo degli studi
  • Lugano
  • Mendrisio
  • Parlamento
  • Villa Ortensia
  • Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
  • OSC
  • Gran Consiglio
  • Governo
  • Consiglio di Stato
  • funivia Ambrì-Fusio

Correlati

Ti potrebbe interessare