Europa - Grecia, un rapporto a rischio strappo
Europa - Grecia, un rapporto a rischio strappo (Keystone)

Non si vive di solo euro, ma...

Il 5 luglio i greci hanno detto "no" alla politica dell'austerità dell'UE chiedendo una nuova Europa

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Prima - a partire dalle 22.00 del 5 luglio - la grande festa di piazza. Il referendum voluto da Alexis Tsipras ha infatti convogliato i consensi del 61,31% dei 6'161'140 cittadini che si sono recati a votare (il 62,5%) sul "no" (OXI) alle proposte europee di risanamento del bilancio. Abbiamo seguito, passo passo, la genesi e i giorni di "passione Greca".

Lunedì 6 luglio 2015, è cominciato un nuovo capitolo. Le dimissioni del ministro delle finanze, Yannis Varoufakis, motivate dal desiderio di non essere d'intralcio a Tsipras nelle trattative con l'UE raccontano, più di mille parole, la tensione che c'è nell'aria. Le proposte di Atene all'UE - perchè sarà Atene a dover presentare delle proposte, visto che quelle dell'UE sono state respinte anche dal popolo - possono riassumersi in: ristrutturazione del debito, meno austerità, redistribuzione per i più bisognosi e nuove riforme. Il tutto sullo sfondo dell'orgoglio e della dignità di un popolo che si riconosce in questo pensiero dell' ormai ex ministro delle finanze: «Il nostro Stato deve poter vivere con i soli propri mezzi, in un prossimo futuro. Siamo pronti a condurre una vita austera, cosa che è ben diversa dall’austerità». La speranza dei greci è, sostianzialmente, in una nuova Europa. Noi, con voi, stiamo seguendo l'evolversi di una situazione che lo stesso Mario Draghi , presidente della Banca centrale europea (BCE) ha detto di non saper prevedere.

La strada per uscire dalla crisi è ancora in salita
La strada per uscire dalla crisi è ancora in salita (Petros Giannakouris)

m.c.

La cronaca, giorno per giorno

Domenica 12 luglio

Wolfgang Schaeuble, un falco all'Eurogruppo
Wolfgang Schaeuble, un falco all'Eurogruppo (keystone)

Sabato 11 luglio

Un militante di Syriza si congratula con Tsipras
Un militante di Syriza si congratula con Tsipras (keystone)

Venerdì 10 luglio

La Grecia fa meno paura alle Borse
La Grecia fa meno paura alle Borse (ansa)

Giovedì 9 luglio

Il giorno delle proposte, giunte all'UE, ma non via mare
Il giorno delle proposte, giunte all'UE, ma non via mare (Keystone)

Mercoledì 8 luglio 2015

Banche ancora chiuse
Banche ancora chiuse (reuters)

Martedì 7 luglio 2015

Bruxelles: il giorno del doppio vertice. Qui Dijsselbloem con Tsakalatos
Bruxelles: il giorno del doppio vertice. Qui Dijsselbloem con Tsakalatos (Keystone)

Lunedì 6 luglio 2015

Cambio alle finanze: Varoufakis se ne va, arriva Tsakalotos
Cambio alle finanze: Varoufakis se ne va, arriva Tsakalotos (Keystone)

Domenica 5 luglio 2015

Approfondimenti

La Grecia si sente
La Grecia si sente "Europa", ma a precise condizioni (Orestis Panagiotou)

Precedenti dossier sulla Grecia

 

Condividi