Scende il numero delle persone senza lavoro in Svizzera
Scende il numero delle persone senza lavoro in Svizzera (Keystone)

Disoccupazione al minimo da vent'anni

Secondo i dati della SECO, i senza lavoro in Svizzera sono al 2,2% come media annua, il risultato più basso degli ultimi due decenni. Crescono di poco su base mensile (+0,1)

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il tasso di disoccupazione in Svizzera è sceso a una media annua del 2,2% nel 2022, in sensibile calo rispetto all'anno prima (3,0%). Si tratta del risultato più basso registrato da oltre 20 anni, ha riferito lunedì la Segreteria di Stato dell'economia (SECO) nel suo rapporto mensile.

Il numero dei senza lavoro è diminuito su base annua, ma è aumentato rispetto al mese precedente. Nel solo mese di dicembre, il tasso ha raggiunto il 2,1%, contro il 2,0% di novembre. Su un anno, rispetto al dicembre 2021, si registra ancora una diminuzione: -0,5 punti percentuali.

Al netto degli effetti stagionali l'indicatore è sceso all'1,9% nel mese in esame e si discosta dalle previsioni formulate dall'agenzia AWP, le cui stime erano al 2,0%. L'indicatore era sceso sotto il 2% solo nell'ottobre 2001.

Secondo i dati della SECO a dicembre erano 167’904 le persone in cerca di lavoro in Svizzera, 3’408 in più rispetto a un mese prima e 41’772 in meno rispetto allo stesso periodo 2021. A fine dicembre risultavano iscritte a un ufficio regionale di collocamento 96’941 persone, 5’614 in più rispetto al mese precedente.

In Ticino nel dicembre 2022 la disoccupazione si è fissata al 2,8%, dato invariato rispetto da novembre e in calo di 0,4 punti rispetto al dicembre 2021. Nei Grigioni il mese scorso i senza lavoro erano pari all'1,1%, in discesa di un decimo di punto percentuale rispetto al mese di novembre e dello 0,3% rispetto al dicembre 2021.

I settori in cui manca personale

A preoccupare diversi settori economici in questo momento soprattutto la mancanza di personale. Particolarmente colpita è la ristorazione. Mattia Serena ha chiesto spiegazioni a uno dei rappresentanti  della categoria, il presidente di Gastrosuisse Casimir Platzer. A suo avviso questa situazione è destinata a proseguire.    

 
ATS/EnCa
Condividi