Lavoro nero
Lavoro nero (©Ti-Press)

OCST, "Salari da 900 franchi in Ticino"

Il sindacato denuncia paghe orarie di 5 franchi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La denuncia giunge dall’OCST che ha segnalato alla magistratura il caso di due minorenni pagati 5 franchi all’ora in un cantiere edile di Lugano.

In un sopralluogo questa mattina, l’OCST ha trovato altri operai frontalieri sottopagati: avevano un contratto da 3’900 franchi mensili ma ne ricevevano solo 900. Il titolare della ditta coinvolta, raggiunto telefonicamente, dal canto suo ha negato ogni irregolarità. “Quando lo stipendio era inferiore di quanto pattuito, era perché i dipendenti lavoravano meno ore del previsto”, ha dichiarato pur confermando che gli stipendi non venivano pagati con bonifici su conti bancari o postali, ma in contante in cantiere.

Caso segnalato alle autorità

La segnalazione delle presunte irregolarità è stata inoltrata dall’OCST, oltre ai vari organi di controllo del mercato del lavoro, anche al procuratore generale John Noseda chiedendo alla magistratura di valutare se ci siano gli estremi per aprire un’indagine penale. L’accusa del sindacato è di sfruttamento della manodopera.

Claudio Bustaffa

Condividi