Offshore, Ramelli: "Seguiamo il caso"

Il fisco ticinese attento alle recenti rivelazioni dei media

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dopo che ieri è esploso lo scandalo “Offshore Leaks”, sul quale stanno indagando da mesi le redazioni di una cinquantina di mezzi d’informazione e che promette di svelare una quantità di informazioni superiore a tutte le fughe di dati bancari degli ultimi anni, si attendono le reazioni, soprattutto quelle elvetiche e ticinesi.

Tra i 2,5 milioni di documenti segreti trasmessi alle testate in questione dal Consorzio internazionale per il giornalismo investigativo e che contengono informazioni su coloro che hanno aperto società offshore, vi sono infatti anche file che riguardano 300 privati e 70 società in Svizzera, tra cui una quarantina in Ticino .

Il canton Berna indaga su Gunter Sachs

Ieri, per primo, il canton Berna ha fatto sapere che intende indagare, tra gli altri, sul dossier fiscale di Gunter Sachs, celebre fotografo ed ex playboy tedesco naturalizzato svizzero e suicidatosi nel 2011. Uno dei tanti presunti beneficiari di oasi fiscali. I suoi eredi e gli esecutori testamentari hanno però già respinto ogni asserzione riportata dai giornali, affermando che Sachs aveva correttamente dichiarato redditi e patrimonio.

La reazione del fisco ticinese

E, a questo punto, cosa intende fare il fisco ticinese? “Noi abbiamo regole più severe rispetto al canton Berna e quindi non diremo nulla”, ci risponde Lino Ramelli, direttore della Divisione delle contribuzioni. Eventuali nomi che usciranno non verranno dunque né confermati né smentiti. “Quello che è certo – aggiunge – è che seguiremo con attenzione tutto quello che verrà pubblicato dai media, per poi eventualmente procedere”. Il fatto di controllare e utilizzare informazioni diramate dai mezzi di informazione, ci spiega e conclude, per la sua divisione è una prassi.

Prossima puntata dunque domenica, quando dovrebbero uscire nuove “rivelazioni esplosive”.

SM


Modem analizza la portata dello scandalo Offshore Leaks con alcuni esperti di fiscalità e finanza internazionale e con Serena Tinari, giornalista della RSI che fa parte della rete internazionale di giornalisti d'inchiesta (ICIJ). Ascolta la puntata

Condividi