(keystone)

“Brexit nei tempi previsti”

Theresa May dopo i colloqui a Bruxelles, definiti “vigorosi, ma costruttivi”. UE pronta a discutere, ma l’accordo “non si tocca”

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

“Voglio condurre in porto la Brexit e farlo nei tempi previsti”, entro il 29 marzo. Parola di Theresa May, dopo i colloqui avuti giovedì a Bruxelles con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e quello del Consiglio europeo Donald Tusk. Colloqui definiti da May “vigorosi, ma costruttivi”.

Decisamente più fredda la posizione europea: se infatti una concessione c’è stata, ovvero la disponibilità a continuare a discutere con la premier britannica “per capire se è possibile trovare un modo di evitare un’uscita senza accordo”, la richiesta da Oltremanica di modificare il testo di divorzio è stata categoricamente esclusa dai 27 paesi membri.

 

Dopo le discussioni Juncker e Tusk non hanno proferito parola con la stampa e ci ha pensato la stessa Commissione europea a far sapere che i vertici europei non modificheranno l’accordo.

I negoziatori di entrambi i fronti hanno ricevuto mandato per cercare una “via possibile per ottenere il maggior consenso possibile nel Parlamento britannico, rispettando al contempo la posizione europea”.

La premier britannica si è invece detta certa del desiderio degli interlocutori di arrivare a un divorzio "con un accordo" e ha insistito sulla necessità di cambiamenti "legalmente vincolanti" al backstop sul confine irlandese, pur riconoscendo che si tratta di un obiettivo e che nuovi colloqui al riguardo devono ancora partire.

Entro la fine di febbraio è previsto un nuovo incontro tra le parti.

Brexit, May ancora a Bruxelles

Brexit, May ancora a Bruxelles

TG 20 di giovedì 07.02.2019

 
RG/ANSA/Reuters/dielle
Condividi