Il più alto rappresentante della Chiesa cattolica condannato in un caso di abusi su minore (reuters)

Abusi, Pell in carcere

È stata revocata la libertà su cauzione al cardinale australiano riconosciuto colpevole di pedofilia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un tribunale australiano ha ordinato l'arresto del cardinale George Pell, che è stato riconosciuto colpevole da una giuria di aver compiuto, alla fine degli anni ’90, abusi sessuali su due coristi di 12 e 13 anni. All’ex numero tre del Vaticano era stata accordata la libertà su cauzione, dopo la sua incriminazione lo scorso dicembre, per un intervento chirurgico alle ginocchia.

Il 77enne, il più alto rappresentante della Chiesa cattolica condannato in un caso di pedofilia, è rimasto in silenzio all'udienza di mercoledì. Dopo l'annuncio della sua messa in detenzione, l'ex arcivescovo di Sydney è stato preso in consegna dalle autorità e sarà detenuto presso la prigione di Melbourne in attesa dell'annuncio della pena il 13 marzo.

La Santa Sede ha annunciato martedì sera che Pell non è più segretario all'economia, carica che aveva assunto nel febbraio del 2014.

Il cardinale Pell in prigione

Il cardinale Pell in prigione

TG 12:30 di mercoledì 27.02.2019

 
AFP/ATS/YR
Condividi