La situazione intorno all'aeroporto di Kabul resta drammatica (ANSA)

Afghanistan, mano tesa dalla Svizzera

Ignazio Cassis intenzionato a organizzare una conferenza internazionale per aiuti e corridoio umanitario – Sette morti all’aeroporto di Kabul

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Svizzera potrebbe accogliere una conferenza internazionale sull'Afghanistan per coordinare gli aiuti e aprire un corridoio umanitario. Secondo la Nzz am Sonntag, che cita due fonti ben informate, il Consigliere federale Ignazio Cassis ha già incaricato la Segretaria di Stato del Dipartimento degli Affari esteri, Livia Leu, di avviare i primi contatti. Secondo il domenicale potrebbe appunto trattarsi di una conferenza dei donatori oppure con l’obbiettivo di organizzare un corridoio umanitario fuori dall'Afghanistan.

Nel programma di sostegno allo sviluppo, per la Confederazione l'Afghanistan è sempre stato considerato tra le massime priorità di intervento. Dalla caduta del primo regime dei talebani, Berna ha versato circa mezzo miliardo di franchi per i progetti destinati soprattutto alla ricostruzione; all'educazione; e all'agricoltura.

Ancora morti all’aeroporto di Kabul

Nel frattempo continua la situazione di caos all’aeroporto di Kabul dove, dopo le quattro vittime annunciate ieri, vengono segnalate in tutto sette persone morte nella calca mentre cercavano di avvicinarsi allo scalo per lasciare il Paese. Lo riporta Sky News, che cita un comunicato diffuso questa mattina (domenica) dal ministero della Difesa britannico.

Il ministero non ha specificato se tutte le vittime siano morte oggi, né ha reso noto le cause dei decessi, ma ha precisato che le vittime sono civili afgani.

Le "condizioni sul terreno rimangono estremamente impegnative, ma stiamo facendo tutto il possibile per gestire la situazione nel modo più sicuro possibile", recita il comunicato del ministero.

Caos "colpa degli USA"

Proprio in riferimento al caos di questi giorni all'aeroporto di Kabul, secondo i talebani la colpa va attribuita agli, stando a quanto affermato oggi (domenica) da un funzionario talebano. "L'America, con tutta la sua potenza e le sue strutture... non è riuscita a portare l'ordine all'aeroporto. C'è pace e calma in tutto il Paese, ma c'è caos solo all'aeroporto di Kabul", ha affermato il funzionario, Amir Khan Mutaqi.

Afghanistan, sette morti all'aeroporto

Afghanistan, sette morti all'aeroporto

TG 12:30 di domenica 22.08.2021

 
ATS/dielle
Condividi