Inglesi e americani: "via dall'aeroporto di Kabul" (keystone)

"Alla larga dall'aeroporto"

L'ambasciata USA e Ministero degli esteri del Regno Unito invitano i loro concittadini a non avvicinarsi allo scalo di Kabul e di trovare altre vie di fuga

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'ambasciata USA in Afghanistan esorta i cittadini statunitensi a non recarsi all'aeroporto di Kabul. Per chi si trova già sul posto viene consigliato da abbandonarlo il prima possibile a causa di “importanti problemi legati alla sicurezza”.

"A causa di minacce alla sicurezza fuori dai cancelli dell'aeroporto di Kabul, chiediamo ai cittadini USA di evitare di recarsi all'aeroporto e di evitare i cancelli di ingresso a meno che non siano state ricevute istruzioni specifiche da rappresentanti del Governo", afferma l'ambasciata americana.

Sulla stessa lunghezza d’onda il Regno Unito che ieri, mercoledì, in tarda serata, ha lanciato un appello ai cittadini britannici di non recarsi per nessun motivo all’aeroporto della capitale afghana a causa, ha detto un rappresentante del Ministero degli esteri di Londra “di alto rischio di attentato terroristici”. Ciò mentre migliaia di afgani sono ammassati nei dintorni dello scalo con la speranza di potere lasciare al più presto il Paese. La diplomazia britannica ha pure invitato i suoi cittadini, in caso fossero presenti nella zona dello scalo, “di lasciarlo, di trovare un posto sicuro, di attendere ulteriori istruzioni da Londra e, se possibile, di lasciare l’Afghanistan con altri mezzi”.

Nel frattempo il Belgio ha comunicato che ha posto fine alle evacuazioni da Kabul. Il primo ministro Alexander De Croo ha scritto su Twitter che "dato l'evolversi della situazione in Afghanistan" il Paese ha deciso di porre fine alle sue operazioni ed evacuare il personale rimanente.

 

ATS/ANSA/AFP/Swing

Kabul, "attacco terrostico imminente"

Kabul, "attacco terrostico imminente"

TG 12:30 di giovedì 26.08.2021

Catena della Solidarietà

La Catena della Solidarietà si è attivata per una raccolta fondi a favore della popolazione in Afghanistan, le cui necessità dal punto di vista umanitario sono state amplificate dall’ascesa al potere dei talebani. Donazioni sono possibili sul conto postale 10-15000-6 o direttamente sul sito www.catena-della-solidarietà.ch.

Condividi