"Basta coi libri Anti-Trump"

Un utente anonimo della biblioteca di Coeur d’Alene, nello Stato repubblicano dell’Idaho, nasconde tutti i libri contro il presidente

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I bibliotecari di Coeur d'Alene diventavano matti per ritrovarli. Li scovavano, anche a mesi di distanza, in scaffali dedicati ad alti generi, soprattutto tra quelli di fiction. Finché, un giorno, è apparso il bigliettino di un utente anonimo, dichiaratamente repubblicano.

"Ho notato che ci sono tanti libri contro il nostro presidente. Continuerò a nasconderli negli angoli più remoti della biblioteca affinché questa propaganda anti-Trump stia lontana dalle giovani menti americane", diceva il suo scritto.

Ma è difficile che la missione dell’anonimo sostenitore del capo della Casa Bianca vada a buon fine, perché la direttrice Bette Ammon ha deciso di moltiplicare le copie dei libri incriminati. "Nella nostra biblioteca, non ci sono solo opere liberali e per elettori democratici. E poi, una biblioteca, per essere considerata buona, deve essere in grado di offendere chiunque".

L’era dei libri messi all’indice, dei roghi di scritti scomodi e delle bocche imbavagliate è finita. Del resto, di peli sulla lingua non ne ha neppure Donald Trump.

KiNa
Condividi