Polizia ed esercito schierate ad ogni angolo della capitale
Polizia ed esercito schierate ad ogni angolo della capitale (keystone)

Bruxelles, caccia all’uomo

Ricercato uno dei presunti autori degli attentati che hanno causato 30 morti e centinaia di feriti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La polizia belga sta dando la caccia ad un uomo ritenuto essere uno degli attentatori che oggi, martedì, ha insanguinato la capitale Bruxelles.

L’uomo appare su una fotografia diffusa in giornata dalle autorità: cappello nero e giubbotto color crema, nell’immagine si trova a fianco di altri due presunti membri del commando che ha causato almeno 14 morti all’aeroporto internazionale di Bruxelles-Zaventem.

L'uomo ricercato è quello a destra col cappello
L'uomo ricercato è quello a destra col cappello (keystone)

"Due dei tre attentatori all'aeroporto di  Bruxelles presumibilmente si sono fatti esplodere, il terzo è ricercato", ha confermato il procuratore federale belga Frederic Van Leuw, riferendosi al terzetto che compare sulla fotografia, in cui si vedono anche due persone indossare un guanto nero, verosimilmente per nascondere i detonatori.

È "troppo presto" per fare "un legame diretto con gli attacchi di Parigi", ha aggiunto Van Leuw. Perquisizioni sono nel frattempo state lanciate in diverse parti di Bruxelles e del paese. E in un covo nel comune di Schaerbeek, quartiere della capitale già setacciato dopo gli attentati di Parigi, sono stati trovati un ordigno esplosivo con chiodi, prodotti chimici e una bandiera dello Stato islamico (IS). L’organizzazione, in giornata, ha rivendicato il duplice attacco, il più grave mai subito in Belgio in tempi di pace.

 

"Bombe nelle valigie"

Francis Vermeiren, sindaco di Zaventem (dove è situato l'aeroporto) ha da parte sua affermato all'agenzia di stampa francese AFP che i presunti attentatori trasportavano le bombe nelle valige appoggiate sui carrelli: "Sono arrivato in taxi. Due bombe sono esplose, la terza invece no. Forse chi doveva farsi saltare in aria ha desistito", ha aggiunto.

Bombe sono esplose in mattinata anche alla stazione della metropolitana di Maelbeek. Lì i morti sono stati almeno 20. Il bilancio finale della serie di deflagrazioni è di almeno 30 persone rimaste uccise e 230 feriti.

ATS/AFP/ludoC

Condividi