I trafficanti nascondono gli stupefacenti anche nei container spediti al porto di Gioia Tauro
I trafficanti nascondono gli stupefacenti anche nei container spediti al porto di Gioia Tauro (keystone)

Calabria "porto" per la droga

Nuovo maxisequestro di cocaina nelle regione. Intercettati oltre 200 chili provenienti dal Brasile

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli agenti della guardia di finanza italiana e i funzionari dell'agenzia delle dogane hanno sequestrato più di due quintali di cocaina nel porto di Gioia Tauro.

La droga è stata individuata all'interno di due distinti container provenienti dal porto brasiliano di Santos, uno individuato dai finanzieri e destinato a Napoli e l'altro, sul quale era giunta una specifica segnalazione del ministero dell'interno, era diretto a Ploce, in Croazia.

La cocaina, contenuta in diversi borsoni e suddivisa in 200 panetti, per un totale di 220 chili, è stata individuata attraverso una serie di incroci documentali e di controlli con apparecchiature scanner. Messa sul mercato la sostanza stupefacente avrebbe fruttato circa 44 milioni di euro.

ATS/M. Ang.

Condividi