Il ciclone Amphan travolge l'India

TG 12:30 di giovedì 21.05.2020

Ciclone devasta India e Bangladesh

Amphan ha provocato un'ottantina di morti e ingentissimi danni sulle coste del Golfo del Bengala

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

E' di un'ottantina di morti il bilancio provvisorio del ciclone Amphan che sta colpendo l'India nordorientale e il Bangladesh. Da 24 ore le coste sono colpite da piogge intense e venti fino a 160 chilometri orari. Più di tre milioni di abitanti si sono allontanati e messi al riparo. Attualmente centinaia di villaggi e campi sono inondati e le vie di comunicazione sono inutilizzabili.

Centinaia di villaggi costieri allagati, colture perdute, alberi sradicati e infrastrutture inutilizzabili: il passaggio del ciclone Amphan ha lasciato scene di "incredibile devastazione".

"È stata una forte tempesta. Ma ha gradualmente perso il potere nei tre giorni precedenti al suo arrivo nel Bengala Occidentale", ha detto all'agenzia AFP Nayeem Wahra, esperto di catastrofi naturali.

Abbattendo i pali delle utenze, tagliando i cavi e distruggendo i trasformatori, il ciclone ha temporaneamente interrotto l'approvvigionamento di elettricità a 15 milioni di bengalesi. Giovedì mattina in dieci milioni erano ancora senza energia.

Il ciclone ha inoltre provocato un'onda di marea alta fino a tre metri che che ha immerso parte della costa e si è propagata nei villaggi. Secondo Nayeem Wahra, l 'ondata della tempesta è stata tuttavia inferiore a quanto temuto dai meteorologi.

 
ATS/Bleff
Condividi