(ebu)

Combattere coi burattini

Walid, attore teatrale, porta il buonumore tra i bambini in Siria e ha una missione: "Creare una generazione che combatte con la cultura"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Walid Abu Rashed ha fondato una piccola compagnia teatrale nel 2008. Nel 2011 vinse un premio come migliore attore ad Idlib, città siriana al confine con la Turchia. Voleva iscriversi a una rinomata accademia, ma nello stesso anno scoppiò la guerra contro il regime di Assad

"Ero dalla parte dei rivoluzionari - ha raccontato all'agenzia AFP - perché era la cosa giusta. Volevo combattere il regime e la sua oppressione verso il teatro. Cominciammo a essere critici verso il regime, e a parlare degli errori dei suoi capi". Ora, tra le macerie dei palazzi, si esibisce con i suoi burattini, per "togliere i bambini da questa atmosfera di guerra.

"Voglio diffondere il mio messaggio al mondo intero - spiega Walid - e il mio sogno è che tutti sappiano che nonostante ci uccidano e distruggano le nostre case, facciamo teatro e diffondiamo cultura, in modo da avere una generazione che combatterà, nel mondo, con il teatro e l'educazione. Perché un bambino cresciuto con la cultura è più forte di uno cresciuto a suon di botti e proiettili".

AFP/Bleff
Condividi