Coronavirus, il modello cinese

Nel paese pochi casi e a inizio ottobre decine di milioni di persone in vacanza. Come ha fatto il Governo a ottenere questo risultato?

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

In Svizzera e in Europa si sta assistendo a un nuovo e vigoroso aumento dei contagi giornalieri. Intanto, dalla Cina, dove tutto è iniziato, la situazione da mesi sembra essere sotto controllo. Pochi casi segnalati, il più delle volte importati. Ma come ha fatto il Governo centrale a ottenere un risultato del genere? E poi, le notizie che ci giungono, possono essere considerate credibili?

Gabriele Battaglia, giornalista e collaboratore della RSI, che da anni vive in Cina (guarda il video) ci spiega che è stato adottato un modello rigoroso per contenere il coronavirus, un modello che permette da una parte di avere pochi casi e dall'altra di non azzoppare l’economia.

Ottobre 2020: turisti sulla Grande muraglia cinese
Ottobre 2020: turisti sulla Grande muraglia cinese (keystone)

Basti pensare che a inizio ottobre si sono svolte le vacanze nazionali, "la settimana d’oro". Quest’anno rigorosamente entro i confini nazionali. Il Governo si è trovato costretto a incentivare i consumi interni e a dipendere meno dall’estero. Il presidente Xi Jinping punta a due risultati: stimolare l’economia e convincere il popolo di aver superato la pandemia, meglio degli altri paesi.

 
Alessandra Spataro
Condividi