Continuano le proteste dei cubani contro la grave crisi che attanaglia il Paese caraibico
Continuano le proteste dei cubani contro la grave crisi che attanaglia il Paese caraibico (Keystone)

Cuba, primo morto

Si fa più cupa la situazione nell'isola caraibica dopo che gli scontri con le forze dell'ordine hanno causato una vittima. E non si ferma la protesta

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Si è registrata martedì la prima vittima a Cuba dopo l'ondata di manifestazioni antigovernative. Lo hanno reso noto varie fonti precisando che un uomo di 36 anni è morto alla periferia dell'Avana e la notizia è stata confermata dal Ministero degli Interni cubano. Secondo l'agenzia di stampa di Stato aveva preso parte ai "disordini".

Negli ultimi giorni infatti l’isola caraibica è stata teatro di tumulti e violenze con la gente scesa in piazza a protestare per la situazione di estrema povertà, disagio sociale e crisi economica che il coronavirus ha ulteriormente acuito. Così nelle vie delle principali località cubane si vedono auto della polizia rovesciate, lancio di pietre contro agenti e militari, negozi gestiti dal Governo saccheggiati.

La tensione non accenna a diminuire, anche perché sono migliaia le persone in strada in tutte le principali città dell'isola per protestare contro il regime e contro una crisi divenuta intollerabile per gran parte della popolazione. Decine gli arresti di attivisti politici e giornalisti, tra cui una reporter del quotidiano spagnolo ABC.

I cittadini sono ormai stufi e ribadisco di essere “giunti al limite della sopportazione", costretti come sono a farsi ore e ore di fila per comprare cibo o medicine. Il Governo del presidente Miguel Díaz-Canel continua a puntare il dito su Washington, accusando gli USA di provocare disordini sociali e di essere dietro a elementi controrivoluzionari. Ma, intanto, la preoccupazione comincia a serpeggiare ai vertici del partito comunista, che temono la situazione possa sfuggire di mano.

Le proteste del resto si sono diffuse anche oltre i confini nazionali, con gli esuli cubani che hanno organizzato vibranti proteste in vari Stati americani ma anche in Messico, Spagna e Brasile.

Nuove proteste a Cuba

Nuove proteste a Cuba

TG 20 di martedì 13.07.2021

ATS/AFP/EnCa
Condividi