I passi compiuti dalla Finlandia sono motivo per imporre una risposta simmetrica, ha ammonito il portavoce di Mosca Dmitri Peskov (keystone)

"Finlandia nella NATO? Minaccia per la Russia"

Il Cremlino: "L'espansione del blocco militare non renderà l'Europa o il mondo più stabile" - Medvedev: "Rischio di guerra nucleare. Cresce probabilità di un conflitto aperto e diretto tra Russia e NATO"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Cremlino ha dichiarato giovedì che l'adesione della Finlandia alla NATO è "sicuramente" una minaccia per la Russia e che l'espansione del blocco militare non renderà l'Europa o il mondo più stabile. Parlando con i giornalisti in una conferenza telefonica, il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha affermato che i passi compiuti dalla Finlandia per aderire alla NATO sono motivo di rammarico e motivo per imporre una risposta simmetrica.

 

Il presidente e il primo ministro finlandesi avevano dichiarato in precedenza, che il loro Paese deve chiedere di entrare nell'alleanza militare della NATO "senza indugio". Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha scritto sui social network che: "L'unità e la solidarietà della NATO e dell'UE non sono mai state così vicine. Sauli Niinistö e Sanna Marin aprono la strada all'adesione della Finlandia alla NATO. Un passo storico, una volta compiuto, che contribuirà notevolmente alla sicurezza europea. Con la Russia che muove guerra all'Ucraina è un potente segnale di deterrenza".

Intanto, secondo quanto riportano Tass e Interfax, il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitri Medvedev, ha detto che: "Riempire l'Ucraina di armi dei Paesi NATO, addestrare le sue truppe all'uso di equipaggiamenti occidentali, schierare mercenari e tenere esercitazioni ai confini aumenta la probabilità di un conflitto aperto e diretto tra Russia e NATO", aggiungendo che "un simile conflitto ha sempre il rischio di trasformarsi in una guerra nucleare totale. Sarebbe uno scenario disastroso per tutti".

Nel frattempo sul campo, altri bombardamenti russi sono segnalati nel nord-est dell'Ucraina. Lo affermano i funzionari ucraini di Sumy, citati dalla CNN, indicando che gli attacchi sugli insediamenti di confine, provenienti dal territorio russo, sono aumentati negli ultimi giorni, mentre le forze ucraine stanno avanzando verso un'altra sezione del confine nella regione di Kharkiv.

 
Condividi