Dura presa di posizione del presidente degli Stati Uniti (Keystone)

Gli Stati Uniti abbandonano l'OMS

La decisione ufficiale è stata annunciata al Congresso da Donald Trump. Sarà effettiva nel luglio 2021

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Donald Trump ha lanciato ufficialmente la procedura per il ritiro degli Stati Uniti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che egli accusa di aver ritardato la sua risposta alla pandemia di coronavirus. "Il Congresso ha ricevuto la notifica che il Presidente ha ufficialmente ritirato gli Stati Uniti dall'OMS nel bel mezzo di una pandemia", ha twittato Robert Menendez, membro democratico della Commissione per le relazioni estere del Senato.

La decisione entrerà in vigore il prossimo 6 luglio 2021 mentre l'ONU dal canto suo ha anche confermato di aver ricevuto la lettera che informava della decisione lo scorso lunedì.

Il portavoce Antonio Guterres ha detto che gli Stati Uniti, membro fondatore dell'OMS nel 1948, devono soddisfare due condizioni per ritirarsi dall'organizzazione: rispettare il preavviso di un anno ed aver assolto ai loro obblighi finanziari.

L'annuncio è stato stigmatizzato dalla Federazione degli scienziati americani poiché arriva "nel momento in cui la cooperazione internazionale è più necessaria e il ritiro non farà altro che danneggiare la lotta globale contro Covid-19. Ma già alla fine di maggio, il presidente americano aveva annunciato la "fine del rapporto" tra il suo Paese e l'OMS, che ha accusato fin dall'inizio della pandemia di essere troppo indulgente con la Cina, dove il coronavirus è apparso a dicembre prima di diffondersi in tutto il pianeta.

Gli Stati Uniti, che forniscono il 15% del budget dell'agenzia dell'ONU e sono di gran lunga il suo maggiore donatore, riorienteranno questi fondi verso altre urgenti e meritevoli esigenze di salute pubblica globale.

Gli Stati Uniti escono dall'OMS

Gli Stati Uniti escono dall'OMS

TG 12:30 di mercoledì 08.07.2020

 
ATS/AnP
Condividi