Le truppe USA se ne vanno dall'Afghanistan, parola di Joe Biden (Keystone)

Gli USA se ne vanno dall'Afghanistan

Il presidente Joe Biden ha confermato il ritiro, dopo 20 anni, dei militari statunitensi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La voce circolava già da martedì e ora è arrivata la conferma: il presidente Joe Biden ha annunciato mercoledì che ritirerà le truppe statunitensi dall’Afghanistan. I circa 2'500 soldati ancora impiegati dovrebbero lasciare il paese entro il prossimo 11 settembre. Una data carica di significato, poiché coincide con il 20esimo anniversario dell’attacco alle Torri gemelle, dopo il quale Washington e alleati rovesciarono manu militari il regime dei talebani, accusato di aver spalleggiato i jihadisti di al Qaida.

"È giunta l'ora di mettere fine alla più lunga guerra degli Stati Uniti, ma il nostro impegno diplomatico e umanitario continuerà", ha dichiarato il capo della Casa Bianca. "Sosterremo l'Afghanistan, solo non militarmente". Biden ha precisato che gli attacchi dell'11 settembre 2001 non possono comunque giustificare un impiego così lungo, di 20 anni.

La notizia era stata anticipata da fonti interne all’amministrazione, suscitando molte reazioni. La ministra tedesca della difesa, Annegret Kramp-Karrenbauer, prima del vertice odierno tra i ministri degli esteri e della difesa dei paesi NATO ha dichiarato che i soldati della NATO si ritireranno probabilmente a settembre, aggiungendo:"Abbiamo sempre detto: entriamo insieme, usciamo insieme". A ribadire questo concetto, è stato anche il segretario di Stato americano Antony Blinken, che arrivato a Bruxelles ha dichiarato: “Sono qui per lavorare in stretta collaborazione con i nostri alleati”. Anche il Regno Unito, ha anticipato il Times, ritirerà quasi tutte le sue truppe entro l’11 settembre.

La NATO ha poi confermato che l'inizio del ritiro delle forze alleate è prevista per il 1. maggio prossimo. Una partenza che sarà "ordinata e coordinata".

RG 18.30 del 14.04.2021 L'intervista di Elena Boromeo all’analista politico Fabrizio Foschini, collaboratore dell’Afghanistan Analyst network
RG 18.30 del 14.04.2021 L'intervista di Elena Boromeo all’analista politico Fabrizio Foschini, collaboratore dell’Afghanistan Analyst network
 

La minaccia talebana

“Fintanto che le forze straniere sono saranno andate via dal paese, non prenderemo parte a nessuna conferenza sul futuro dell’Afghanistan”, hanno fatto sapere, via Twitter, i talebani. Nel paese si teme che, una volta partiti i militari, questi estremisti islamici possano riprendere il potere. Lo stesso Blinken ha recentemente dichiarato che il ritiro potrebbe comportare una riconquista di territori da parte loro, che potrebbe compromettere la stabilità del governo centrale.

Afghanistan, ritiro coordinato

Afghanistan, ritiro coordinato

TG di giovedì 15.04.2021

 
 
AFP/ATS/ludoC
Condividi