La sua intenzione era quella di colpire la sinagoga (Keystone)

Halle, il killer è un neonazista

L'autore della sparatoria alla sinagoga è un giovane della destra antisemita. Ha gridato, in diretta streaming: "La radice di tutti i problemi sono gli ebrei"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'aggressore della sparatoria di mercoledì a Halle in Germania, nella quale hanno perso la vita due persone, è un 27enne tedesco che, secondo i primi indizi, avrebbe agito da solo. La sua intenzione era quella di colpire la sinagoga dove all'interno c’erano diversi ebrei che stavano celebrando la festa del Yom Kippur.

Il ragazzo, subito arrestato dalla polizia, durante la sparatoria ha filmato tutto con una telecamera installata sul suo casco, così da poter trasmettere in streaming sulla piattaforma Twitch quanto stava accadendo.

Nel video, postato sul sito di videogame, lo si sente urlare: "La radice di tutti i problemi sono gli ebrei", riferisce Rita Katz, direttrice di Site, portale di monitoraggio dei gruppi terroristici sul web.

L'uomo, spiega Katz, "si irrita perché non riesce a entrare nella sinagoga, e spara a caso a una donna per strada". Quindi sembra "improvvisare", "entra in un negozio e uccide un'altra persona prima di fuggire". Aggiunge anche che "la sua auto era piena di armi apparentemente fabbricate in casa, oltre a un laptop e a una macchina fotografica: il che suggerisce che dietro l'attacco ci sia un inquietante livello di pianificazione".

Intanto dal mondo intero arrivano messaggi di solidarietà con la comunità ebraica e di condanna per quanto accaduto. La cancelliera tedesca Angela Merkel, dopo aver espresso solidarietà con tutti gli ebrei, in serata si è recata in una sinagoga dove si stava tenendo un raduno a seguito del tentato attacco.

 

AFP/ATS/ANSA/Reuters/Nad
Condividi