Sostenitore della legge contestata (keysone)

Il Texas torna a vietare gli aborti

Si tratta di una legge che non permette l'interruzione di gravidanza a partire dalla sesta settimana di gravidanza

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Texas potrà ripristinare la legge che vieta la maggior parte degli aborti. Così ha sentenziato la Corte di appello federale di New Orleans.

 

Era entrata in vigore il primo settembre ed era stata bloccata temporaneamente mercoledì da un giudice federale che aveva accolto un ricorso da parte dell’amministrazione di Joe Biden.

La norma vieta l’interruzione di gravidanza una volta rilevato il battito cardiaco dell’embrione, a circa sei settimane di gravidanza, ossia quando la maggior parte delle donne non è consapevole di aspettare un bambino.

 

Il procuratore generale del Texas ha accolto con favore la decisione. Era stato proprio lui ad appellarsi alla corte, che viene considerata una delle più conservatici del paese. "Grande notizia questa sera", ha twittato il repubblicano Ken Paxton, "combatterò sempre gli eccessi del Governo federale". Molto probabilmente quest’ultimo farà ricorso e continuerà la sua battaglia sino a presentare il caso davanti alla Corte suprema degli Stati Uniti.

AP/AlesS
Condividi