Gli studenti non si sentono sicuri nelle scuole
Gli studenti non si sentono sicuri nelle scuole (reuters)

In memoria della Columbine

Gli studenti tornano in piazza in tutti gli Stati Uniti contro la violenza legata alle armi da fuoco

Migliaia di studenti delle scuole superiori hanno interrotto le lezioni venerdì in tutto il paese per commemorare il 19esimo anniversario del massacro alla Columbine High School e tornare a mobilitarsi contro le armi da fuoco.

L'iniziativa è partita dalla sede della scuola del Colorado, teatro della strage del 20 aprile 1999, dove gli alunni si sono radunati per osservare 13 secondi di silenzio, tanti quante furono le vittime quel giorno. Un corteo di alcune centinaia di studenti si è riunito anche davanti alla Casa Bianca, a Washington.

La protesta, che ha coinvolto più di 2'000 licei, è stata promossa sul sito Change.org, dove hanno dato la loro adesione oltre 250'000 persone. Il raduno segue quello del 14 marzo per la strage di Parkland e le tante marce che hanno coinvolto quasi un milione di studenti.

AFP/ANSA/YR

Condividi