Distruzione pressoché totale
Distruzione pressoché totale (Keystone)

Incendio a Moria, condanne per quattro

Dieci anni di prigione per richiedenti asilo afghani che nel settembre del 2020 appiccarono i roghi che devastarono il campo profughi a Lesbo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Quattro giovani richiedenti asilo afghani sono stati condannati dal tribunale di Chios a dieci anni di carcere per gli incendi che hanno devastato il campo di Moria sull'isola di Lesbo nel settembre 2020, allora il più grande campo profughi d'Europa. Sono stati giudicati colpevoli di incendio doloso. Gli avvocati della difesa hanno preannunciato ricorso.

 

Il campo di Moria, allestito nel 2013 al culmine della crisi migratoria, ha ospitato più di 10'000 persone prima di essere completamente distrutto dalle fiamme, in due incendi consecutivi, l'8 e il 9 settembre 2020, che non avevano provocato morti.

In un processo separato, altri due giovani afgani, minorenni all'epoca del delitto, sono stati condannati a cinque anni di carcere lo scorso marzo da un tribunale di Lesbo, che li ha riconosciuti colpevoli di essere tra gli incendiari.

A fuoco il campo profughi di Lesbo

A fuoco il campo profughi di Lesbo

TG di mercoledì 09.09.2020

 
FD/ATS
Condividi