La Knesset è stata sciolta: gli israeliani dovranno tornare al voto nel marzo 2020 (Reuters)

Israele di nuovo al voto

Non avendo potuto dare vita a un nuovo Governo, il Parlamento dello Stato ebraico si è sciolto - Cittadini alle urne il 2 marzo 2020

E' scaduto a mezzanotte il termine di 21 giorni previsto dalla legge israeliana perché la Knesset formasse un nuovo Governo. Il Parlamento dello Stato ebraico si è dunque sciolto e le elezioni si terranno il 2 marzo prossimo.

 

Lo ha stabilito la stessa Knesset, confermando la data che era stata indicata dai due maggiori partiti, il Blu e Bianco e il Likud. Lo riportano giovedì i media israeliani. Secondo le norme la nuova consultazione avrebbe dovuto svolgersi il 10 marzo, che coincide però con la festa ebraica di Purim.

I deputati sono del resto rimasti a discutere fino a tarda notte il provvedimento che fissa modalità e la data del voto, il terzo in un anno: un’impasse politica che è per Israele la peggiore della sua storia e una circostanza senza precedenti.

ATS/Reuters/AP/EnCa
Condividi