Il vaccino russo in Europa?

TG 20 di sabato 30.01.2021

L'Europa interessata a Sputnik V

I ritardi nelle forniture di Pfizer, Moderna e AstraZeneca rendono più concreta la possibilità di usare anche nei Paesi europei il vaccino anticovid russo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Lo Sputnik V è stato il primo antidoto anti-covid certificato al mondo. Già nell’agosto del 2020 le autorità russe lo avevano giudicato sicuro ed efficace. Il mondo aveva reagito con prudenza. Ora però i ritardi nelle forniture dei vaccini di Pfizer, Moderna e AstraZeneca rendono sempre più concreta la possibilità di usare anche in Europa il vaccino russo. La Germania ha già espresso il suo interesse a Mosca, che si é detta disponibile a consegnare 100 milioni di dosi nei prossimi 3 mesi.

Già in dicembre la Russia aveva preso tutti in contropiede, iniziando la vaccinazione di massa contro il Covid e concentrandosi nelle grandi città, soprattutto nella capitale. E oggi anche l’Europa è sempre più interessata al vaccino russo, tanto che la Germania ha offerto il suo sostegno a Mosca: "vogliamo aiutare la Russia ad ottenere l’omologazione del vaccino”, ha dichiarato Angela Merkel, e le discussioni per la produzione e la consegna sarebbero già a buon punto.

La Russia potrebbe consegnare all’Europa 100 milioni di dosi nei prossimi mesi: e la Svizzera? La Confederazione, che si è già mostrata prudente con AstraZeneca, potrebbe esserlo ancora di più con il vaccino russo.

TG/M. Ang.
Condividi