Il ministro della salute tedesco Jens Spahn durante la conferenza stampa di mercoledì (keystone)

La Germania non pagherà più i non vaccinati

In caso di quarantena, dal 1° novembre, la perdita di salario di chi non si è immunizzato non verrà più compensata

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli stipendi delle persone non vaccinate contro il Covid-19 presto non saranno più pagati in Germania durante i periodi di quarantena. Lo ha annunciato mercoledì il ministro della salute Jens Spahn, spiegando che la decisione, negoziata con i Länder, entrerà in vigore il 1° novembre.

"Si dice che è un’ulteriore pressione sui non vaccinati, ma penso che dobbiamo vedere le cose nel senso inverso: è infatti una questione di equità" ha detto Spahn in conferenza stampa. Gli stipendi finora venivano compensati, tuttavia diversi Länder avevano già interrotto la copertura.

"Chi protegge se stesso e gli altri con la vaccinazione si pone giustamente domande, come ad esempio: perché pagare per qualcuno che era in vacanza in una zona a rischio e che, visto che non è vaccinato, deve essere messo in quarantena? Quando la gente dice vaccinarsi o meno è una libera decisione personale – e questa scelta resterà possibile – la decisione deve essere accompagnata anche dalla responsabilità di assumersi le conseguenze finanziarie", ha sostenuto il ministro.

Secondo un sondaggio sul tema effettuato dall’istituto Yougov e pubblicato lunedì, quasi la metà degli intervistati (48%) è contraria alla misura, mentre il 43% è a favore. Attualmente in Germania più di 52 milioni di persone (63,4% della popolazione) hanno ricevuto due dosi di vaccini anti-Covid.

AFP/dielle
Condividi