La Radio non tramonta

Giornata mondiale dedicata a uno strumento che, dopo TV e internet, resiste anche ai social

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Oggi, 13 febbraio, il mondo celebra la giornata mondiale della radio. Un'iniziativa promossa dall'UNESCO che, quest'anno, ha per argomento la diversità. Certo, a un secolo dalla sua invenzione, ha cambiato forma e oggi sono tanti i modi di ascoltarla, anche attraverso smarthphone, tablet o il computer... Da diversi anni, poi, l'invenzione del podcast ha permesso di sviluppare una scrittura radiofonica nuova e di creare programmi in live streaming. Eppure questi cambiamenti non hanno segnato la fine delle FM. Anzi, in molti Paesi la radio è ancora l'unico mezzo per rimanere informati su quello che accade nella regione e oltre.

L'ONU sottolinea, inoltre, come sia un mezzo di comunicazione a basso costo, particolarmente adatto per raggiungere comunità isolate e persone vulnerabili (gli analfabeti, le persone con disabilità, i giovani, i poveri). "Fornisce a tutti, indipendentemente dal livello di istruzione, l'opportunità di partecipare al dibattito pubblico", evidenzia l'ONU. Ed è utilmente coinvolta nei sistemi di comunicazione di emergenza.

ATS/Ansa/M. Ang.
Condividi