Paziente curato in un ospedale di Bratislava
Paziente curato in un ospedale di Bratislava (keystone)

La Slovacchia chiude (quasi) tutto

Covid-19: per 15 giorni consentiti solo gli spostamenti necessari: scuola, lavoro, medico e spesa - Anche i Paesi Bassi pronti a nuove misure

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dopo la vicina Austria, anche la Slovacchia opta per un confinamento della popolazione a causa del continuo crescere dei contagi legati al coronavirus. Il lockdown entrerà in vigore domani, giovedì, e avrà una durata di 15 giorni. Lo ha annunciato il primo ministro Eduard Heger. Saranno consentiti unicamente gli spostamenti per recarsi al lavoro, a scuola, dal medico e per fare la spesa.

Nelle ultime 24 ore il paese ha registrato 10'315 (5,5 milioni di abitanti). Il 45,7% della popolazione è a oggi completamente vaccinata, uno dei tassi più bassi dell’Unione Europea.

Notiziario 17.00 del 24.11.2021
Notiziario 17.00 del 24.11.2021
 

Nei Paesi Bassi pronte nuove misure

E anche il Paesi Bassi stanno valutando nuove misure di contenimento, nonostante le continue proteste. L’annuncio dovrebbe essere fatto venerdì, per ora il ministro della Salute non ha voluto anticipare nulla, ma i media ipotizzano che il Governo potrebbe optare per la chiusura delle scuole, dove vi è un alto numero di contagi. Dal 13 novembre bar, ristoranti e supermercati devono chiudere alle 20, mentre i negozi alle 18. Le manifestazioni pubbliche sono vietate e le partite di calcio vengono disputate a porte chiuse.

Oggi ha preso la parola anche il Centro di controllo di prevenzione di controllo delle malattie europeo (UE) che ha invitato i paesi ad accelerare con le vaccinazioni e puntare su "misure non farmaceutiche", tradotto: quando è necessario, imporre nuove restrizioni.  Nell’Unione Europea il tasso medio di vaccinazione (due dosi) è del 67,7% ma con importanti differenze tra nazioni: si va dal 24,2% della Bulgaria all’86,7% del Portogallo.

AFP/ATS-AlesS
Condividi