Agenti del servizio antiterrorismo turco in azione nei giorni scorsi
Agenti del servizio antiterrorismo turco in azione nei giorni scorsi (Reuters)

La Turchia "preme" sull'IS

Intensificata l'azione contro gli affiliati dello Stato islamico, con decine di fermi ed espulsioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le autorità turche hanno intensificato negli ultimi giorni l’attività contro affiliati allo Stato islamico, compiendo blitz e arresti sia a Istanbul, sia ad Antalya. Mercoledì sera, infatti, la polizia turca ha fermato 41 aspiranti "foreign fighters" giunti all'aeroporto Ataturk da Casablanca.

I potenziali jihadisti, tutti diretti in Siria, sono 40 marocchini e un siriano e alcuni di loro avrebbero confessato l'intenzione di combattere a fianco dei miliziani dell’IS. Almeno 20 delle persone fermate sono già state espulse mentre i restanti dovrebbero lasciare oggi, venerdì, la Turchia.

E questa mattina, i servizi antiterrorismo di Ankara hanno arrestato, al termine di un blitz iniziato all'alba, almeno 20 sospetti affiliati allo Stato islamico nella provincia meridionale di Antalya, zona turistica assai frequentata dove tra una settimana sarà ospitato il summit del G20.

ATS/Reuters/EnCa

Condividi