Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea (keystone)

"L'accordo non si tocca"

Juncker chiude la porta a nuove trattative sulla Brexit in quanto "l'intesa è la migliore possibile". Stasera incontro con May

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'accordo sulla Brexit raggiunto tra Unione Europea e Gran Bretagna non si tocca. A ribadirlo martedì mattina ci ha pensato direttamente il presidente della Commissione UE Jean-Claude Juncker, riferendo alla plenaria del Parlamento sul prossimo Consiglio europeo.

"Al Consiglio europeo avremo un ospite a sorpresa: la Brexit. Sono sorpreso perché ci eravamo messi d'accordo con il Governo britannico e a quanto pare ci sono problemi quando ci si avvicina alla meta" ha affermato Juncker riferendosi alla decisione britannica di ieri di rinviare il voto sul testo dell'intesa.

Il presidente della Commissione UE incontrerà la premier britannica Theresa May martedì sera, ma ha tenuto a sottolineare che "l'accordo è il migliore possibile, l'unico possibile, non c'è margine di manovra per un nuovo negoziato.

Da parte sua May, dopo il rinvio del voto, ha deciso comunque di affrontare oggi un tour europeo per un nuovo giro di consultazioni sul processo di uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea. In mattinata è arrivata all'Aja per vedere il premier olandese Mark Rutte, poi sarà a Berlino per incontrare la cancelliera tedesca Angela Merkel e infine a Bruxelles, dove discuterà con il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e appunto con Juncker.

 
Not/Ansa/dielle
Condividi