L'operazione di polizia è stata una corsa contro il tempo nelle banlieue di Parigi
L'operazione di polizia è stata una corsa contro il tempo nelle banlieue di Parigi (keystone)

"L'attentato era imminente"

Parigi accusa le tre donne fermate per l'auto con le bombole di gas: "Nel mirino c'era la Gare de Lyon"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Preparavano un attentato "imminente" alla Gare de Lyon le tre donne (rispettivamente 19, 23 e 39 anni) arrestate giovedì nell'ambito delle indagini per l'auto piena di bombole di gas abbandonata davanti a Notre Dame. Ne sono convinti gli inquirenti francesi. "Fanatiche e radicalizzate", le ha definite il ministro dell'Interno, Bernard Cazeneuve.

Nell'operazione di polizia, "una corsa contro il tempo" nelle banlieue di Parigi, si è conclusa la fuga di Inès, 19 anni (che aveva lasciato vicino alla cattedrale l'auto del padre con le bombole), e di due sue complici.

Inès - schedata come pericolosa jihadista, radicalizzata, aspirante a partire per la Siria - ha reagito, accoltellando un agente che la stava per immobilizzare. Il poliziotto - della DGSI, i servizi della sicurezza interna - ha reagito e l'ha ferita. Nessuno dei due è grave. La ragazza è ricoverata, le due complici sono in carcere. Al momento, resta ricercata soltanto la sorella di Inès, in fuga e vicina alle idee dell'islam radicale.

ATS/M.Ang.

Dal TG12.30:

Francia, 3 arresti per terrorismo

Francia, 3 arresti per terrorismo

TG 12:30 di venerdì 09.09.2016

Condividi