Vertice g7 dedicato all'ambiente

TG di domenica 13.06.2021

Linea dura contro Cina e Russia

Il G7 ammonisce i due paesi, promette di donare ulteriori vaccini anti-Covid-19 e punta a una fiscalità delle imprese condivisa

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il G7 ammonisce Cina e Russia e promette ulteriore impegno nella fornitura di vaccini anti-Covid-19. Sono questi gli elementi centrali del comunicato congiunto dei leader di Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Giappone, Germania, Francia e Italia – con l’aggiunta dell’Unione europea – che non è ancora stato pubblicato ma del quale varie agenzie di stampa e media internazionali hanno ottenuto una copia.

I sette paesi industrializzati chiedono alla Cina il "rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, soprattutto nello Xinjiang". Esigono anche il rispetto delle libertà anche a Hong Kong. Inoltre, chiedono una nuova inchiesta, “trasparente e basata su evidenze scientifiche”, da affidare all’Organizzazione mondiale della sanità in merito alle origini della pandemia di nuovo coronavirus.

Russia nel mirino

Per quanto riguarda i rapporti con la Federazione russa, i paesi del G7 a conclusione del summit di Carbis Bay in Cornovaglia hanno ribadito di voler sostenere rapporti stabili e prevedibili e di voler continuare ad impegnarsi nelle aree di interesse comuni. Tuttavia, si legge nel rapporto, “la Russia deve però smetterla con il "suo comportamento destabilizzante e le sue attività maligne, incluse le interferenze nei sistemi democratici di altri paesi, e rispettare i suoi impegni e obblighi internazionali sui diritti umani".

Vaccini contro il Covid-19

Il G7 promette inoltre un miliardo di ulteriori vaccini. "Gli aiuti complessivi del G7 dall'inizio della pandemia sono di un totale di due miliardi di dosi, con impegni da quando ci siamo riuniti lo scorso febbraio 2021, incluso qui a Carbis Bay (GB), per offrire un miliardo di dosi il prossimo anno", si legge nel comunicato finale.

Fiscalità delle imprese

"Abbiamo bisogno di un sistema fiscale giusto: appoggiamo lo storico impegno preso dal G7 il 5 giugno - prosegue la nota. Continueremo il confronto per raggiungere un consenso su un accordo globale", anche su una minimum tax globale del 15%, con l'obiettivo di "raggiungere un accordo all'incontro di luglio dei ministri delle finanze e dei governatori delle Banche centrali del G20".

Concluso il G7 in Cornovaglia

Concluso il G7 in Cornovaglia

TG di domenica 13.06.2021

 
ATS/Reuters/ludoC
Condividi