Un'immagine scattata domenica sera durante il discorso tenuto dal premier Johnson (©Keystone)

Lockdown almeno fino al 1° giugno

Il premier Boris Johnson ha presentato domenica sera le tappe di un graduale allentamento nel Regno Unito

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Stare in allerta, controllare il virus, salvare vite umane". È il nuovo messaggio del governo britannico sul fronte del coronavirus annunciato domenica sera da Boris Johnson alla nazione.

Nel presentare le tappe di una graduale "Fase 2", il premier Tory mantiene in sostanza in vigore anche in Inghilterra il lockdown (come già deciso da Scozia e Galles), ma alleggerisce con la più generica raccomandazione a stare in allerta quella che finora indicava di "stare in casa", mantenuta invece dai governi locali scozzese, gallese e nordirlandese.

Johnson ha formalizzato l'introduzione di un nuovo codice di allerta su 5 livelli che dovrà fare da bussola "su quanto duro dovrà essere il distanziamento sociale" nelle prossime settimane e mesi. Un meccanismo basato su un coefficiente legato all'indice R, sul tasso d'infezione, e sul numero dei contagi, ha spiegato.

Piccolo alleggerimento delle restrizioni del lockdown anche per lo svago nel Regno Unito a partire da mercoledì. Non vi saranno più limitazioni all'esercizio fisico individuale all'aperto, si potrà prendere il sole nei parchi, guidare la macchina verso altre destinazioni cittadine, fare sport di gruppo ma solo con membri della stessa famiglia.

Sempre "nel rispetto del distanziamento" e con controlli e multe più pesanti "per i pochi che violano le regole". Quanto alle tappe successive della road map verso la Fase 2, il premier Tory ha detto che saranno condizionate alla verifica scientifica della continuazione di un decremento di contagi da coronavirus e al ritorno del tasso d'infezione al livello 1 (ora nel Regno è fra 0,5 e 0,9, ha detto). Con una possibile "riapertura graduale dei negozi" e delle scuole, a partire dalle elementari, non prima di giugno. E, non prima di luglio, una possibile "riapertura di alcune strutture dell'industria dell'ospitalità, a patto che siano sicure e garantiscano il distanziamento sociale".

Boris Johnson ha infine dichiarato l'intenzione di introdurre presto una quarantena obbligatoria per tutti coloro che viaggeranno nel Regno Unito o vi rientreranno sullo sfondo dell'emergenza coronavirus. La quarantena, che secondo le anticipazioni sarà di 14 giorni e riguarderà tutti i viaggiatori, con o senza sintomi, servirà a rafforzare la sicurezza ai confini a mano a mano che si alleggerirà il lockdown sul fronte interno. Il premier Tory non ha ancora precisato una data d'entrata in vigore.

ANSA/SP
Condividi