Sei palestinesi sono rimasti uccisi venerdì negli scontri con l'esercito israeliano (keystone)

Morti e feriti a Gaza

Scontri tra palestinesi ed esercito israeliano alla barriera di confine durante il venerdì della Marcia del ritorno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le cronache registrano la morte di sei palestinesi, rimasti uccisi oggi (venerdì) negli scontri con l'esercito israeliano al confine fra Gaza e Israele. Altri 250 palestinesi sono stati feriti. Le nuove violenze sono legate alle manifestazioni della Marcia del Ritorno, organizzata da Hamas nel tentativo di spezzare il blocco delle Striscia.

Come nelle settimane passate migliaia di dimostranti hanno affrontato per ore i reparti militari. Oggi sono riusciti ad aprirsi per la prima volta una breccia sul confine con una potente carica esplosiva e ad attaccare frontalmente una postazione di soldati.

Ad alimentare le violenze odierne è giunta la notizia della distruzione ieri di un tunnel militare (scavato da Khan Yunes, a sud di Gaza, fin dentro il territorio israeliano) e le dichiarazioni dei responsabili militari israeliani secondo i quali è salito a 15 il numero complessivo dei tunnel di Hamas distrutti da Israele negli ultimi mesi. Oggi, circondato da dimostranti a ridosso del confine, e' stato notato il leader di Hamas, Ismail Haniyeh, in un palese tentativo di dimostrare a Israele che il suo movimento, malgrado la perdita del tunnel, non si sente affatto indebolito.

ATS/M. Ang.

Condividi