Il Duomo di Milano si attrezza per le feste (Keystone)

Natale, poche deroghe in Italia

Gli spostamenti tra regioni saranno vietati dal 21 dicembre al 1° gennaio e quelli tra comuni a Natale, Santo Stefano e per Capodanno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'Italia vivrà le festività natalizie e di fine anno con molte limitazioni a spostamenti e ritrovi. È passata la linea dura sulle nuove misure anticoronavirus, previste per le feste e tese a scongiurare l'arrivo di una terza ondata pandemica che, altrimenti, "sarebbe dietro l'angolo" secondo il ministro della Salute Roberto Speranza. Saranno vietati gli spostamenti tra regioni (dal 21 dicembre al 1° gennaio) e quelli tra comuni (il 25 dicembre, il 26 dicembre e il 1° gennaio). Uniche deroghe quelle motivate dalla residenza e dal domicilio, ma non valide per chi ha una seconda casa. Deroghe anche per chi ha figli minorenni in una regione diversa dalla propria o per chi deve assistere un genitore solo.

Massima libertà di movimento dal 4 al 20 dicembre per chi vive nelle regioni in fascia gialla e vuole recarsi in altre zone dello stesso colore. La conferma arriva mentre sono ancora in corso le trattative tra le forze politiche per la stesura del decreto che sarà in vigore dal 4 dicembre. Per le prossime due settimane non ci saranno restrizioni sugli spostamenti.

Il nuovo dpcm che il premier Conte dovrebbe firmare in giornata, secondo anticipazione, dovrebbe contemplare anche la quarantena al rientro per chi si recherà in paesi come la Svizzera.

Gli aggiornamenti da Roma

Gli aggiornamenti da Roma

TG di giovedì 03.12.2020

 
FD/ATS
Condividi