Yang Guang, esponente dell'Ufficio per gli affari di Hong Kong e di Macao (Reuters)

"Non si scherza con il fuoco"

Severo monito di un esponente governativo cinese all'indirizzo dei manifestanti di Hong Kong il giorno dopo lo sciopero generale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

“Chi scherza con il fuoco morirà con il fuoco”. È la dichiarazione fatta martedì da un alto responsabile governativo cinese all’indirizzo dei manifestanti che stanno infiammando Hong Kong, il giorno dopo l’inizio dello sciopero generale del movimento pro-democrazia che ha paralizzato l’ex colonia britannica. La polizia locale ha arrestato 148 persone dopo i tumulti di lunedì.

A circa due mesi dall’inizio delle proteste, Yang Guang, portavoce dell’Ufficio degli affari per Hong Kong e Macao, ha dichiarato in una conferenza stampa che “non si deve sottovalutare mai la ferma determinazione e l’immensa potenza del Governo centrale”.

Si tratta dell’avvertimento più forte lanciato dai vertici politici cinesi dall’inizio delle contestazioni, scatenatesi a seguito di un progetto di legge che mirava ad autorizzare le estradizioni verso il resto del territorio cinese. La bozza di normativa è stata ritirata ma le manifestazioni continuano e sono diventate sempre più violente con il passare dei giorni.

Hong Kong, duro monito cinese

Hong Kong, duro monito cinese

TG 12:30 di martedì 06.08.2019

Hong Kong, Pechino alza la voce

Hong Kong, Pechino alza la voce

TG 20 di martedì 06.08.2019

 
AFP/ATS/Reuters/EnCa
Condividi