Norvegia, l'aggressore convertito all'Islam

Si fa strada l'ipotesi di una radicalizzazione dietro la strage costata la vita a 5 persone nella località norvegese di Kongsberg

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Si era convertito all'Islam l'uomo armato di arco e frecce che nella serata di ieri, mercoledì, ha ucciso 5 persone nella località di Kongsberg, località nel sud-est della Norvegia. Altre due persone sono state ferite.

 

È quanto ha reso noto la polizia norvegese stamani, nel corso di una conferenza stampa. L'uomo, ora agli arresti, è danese e ha 37 anni. "Precedentemente c'erano stati timori legati ad una radicalizzazione", ha dichiarato ai giornalisti il responsabile di polizia Ole Bredrup Saeverud. Questi timori risalgono al 2020 e agli anni precedenti. "Non abbiamo avuto segnalazioni su di lui quest'anno, ma prima", ha detto il funzionario di polizia.

"Indaghiamo per confermare che l'uomo abbia agito da solo. Non abbiamo informazioni indicanti il contrario, ma le indagini continuano per essere completamente sicuri", ha aggiunto Ole Bredrup Saeverud.

Il 37enne ha preso di mira i passanti in più punti della cittadina norvegese, e segnatamente in un supermercato. Ha così ucciso 4 donne e un uomo, con età comprese fra i 50 e i 70 anni. Nessuno fra i feriti, si è appreso oggi, versa in gravi condizioni.

Gli agenti sono riusciti ad arrestare l'aggressore dopo un breve scontro. Nella notte è stato sottoposto a interrogatorio e, nelle prossime ore, dovrà comparire di fronte a un giudice in vista del suo collocamento in detenzione provvisoria.

 
Red.MM/ARi
Condividi