Diverse persone che hanno protestato nei giorni scorsi sono state arrestate (keystone)

Proteste e censura in Myanmar

I militari al potere ordinano il blocco di internet mentre si manifesta contro il colpo di Stato - Primo contatto con l'ONU

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La giunta militare al potere in Myanmar ha ordinato di bloccare l'accesso a internet nel Paese, dopo aver già impedito ai suoi cittadini di usare i social network, che servirebbero "a diffondere disinformazione tra la popolazione".

La misura interviene mentre a Yangon, principale città del Paese, un migliaio di persone sono scese in strada per protestare contro il colpo di Stato, sventolando bandiere con i colori del partito di Aung San Suu Kyi. La leader, così come altri politici, intellettuali e persone che hanno manifestato nei giorni scorsi sono agli arresti.

Sul lato diplomatico, Christine Schraner Burgener, inviata speciale svizzera dell'ONU, ha avuto un primo contatto con i militari, chiedendo la liberazione delle persone incarcerate e la fine del colpo di Stato, che non è però stato formalmente condannato dal Consiglio di sicurezza.

Myanmar, continuano le proteste

Myanmar, continuano le proteste

TG 12:30 di sabato 06.02.2021

 
 
Condividi