Anche dopo la condanna continuano in Myanmar le proteste per la liberazione di Aung San Suu Kyi (Keystone)

Quattro anni ad Aung San Suu Kyi

La leader dell'opposizione nel Myanmar condannata per incitamento a disordini pubblici e per il mancato rispetto di una legge legata alla pandemia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un tribunale del Myanmar ha condannato lunedì l'ex leader del Paese, Aung San Suu Kyi, a quattro anni di carcere dopo averla giudicata colpevole di incitamento al disordine e violazione delle restrizioni sul coronavirus, ha detto un funzionario legale.

La sentenza è la prima di una serie di casi intentati contro la 76enne Premio Nobel per la Pace da quando l'esercito ha preso il potere il 1° febbraio scorso, impedendo al suo partito, la Lega Nazionale per la Democrazia (NLD) di iniziare un secondo mandato. Il funzionario legale ha detto che Suu Kyi ha ricevuto due anni di carcere per ciascuna delle due accuse.

Il suo partito aveva ottenuto una vittoria schiacciante alle elezioni generali del novembre 2020. L'esercito, il cui partito alleato aveva perso molti seggi, ha rivendicato massicci brogli elettorali, ma osservatori elettorali indipendenti non hanno rilevato alcuna irregolarità di rilievo nel corso della consultazione alle urne.

 
AFP/AP/ATS/EnCa
Condividi