L’ex premier:
L’ex premier: "Fermiamoci, fuori ci prendono per matti" (Reuters)

Renzi si dimette e attacca

L'ex premier durante l'assemblea del PD in corso a Roma ha invitato la minoranza a mettere fine alle divisioni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Matteo Renzi ha lasciato la segreteria del Partito democratico, ribadendo nel suo discorso all’assemblea nazionale, convocata domenica a Roma, che il congresso "si farà nei tempi statutari". Durante questo intervento, l’ex presidente del consiglio ha invitato la minoranza a mettere fine alle divisioni, esortandola a non proseguire con le minacce di rottura.

"Peggio della parola scissione, c'è la parola ricatto", ha affermato, facendo riferimento alle richieste emerse dall'incontro organizzato, sabato, sempre nella capitale italiana da una frangia contraria del PD.

In seguito, ha voluto rivendicare i risultati conseguiti sotto la sua segreteria: “Abbiamo preso un partito che aveva preso il 26% alle politiche. Con noi ha preso il 40%. Non avevamo casa in Europa, oggi siamo nel paese da protagonisti”.

Non sono pervenute candidature dopo il congedo dell’ex premier pertanto, come confermato dal presidente del PD Matteo Orfini, verrà fissata la direzione che nominerà la commissione per il congresso. Quest'ultimo dovrà concludersi entro quattro mesi da oggi.

ATS/AnP

Condividi