Marino saluta...
Marino saluta... (ansa)

Roma, Marino si è dimesso

"E' finita": l'addio del sindaco dopo il pressing del PD. Lasciano anche tre assessori

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"E' finita". Il sindaco di Roma Ignazio Marino si è dimesso questa sera, giovedì. La decisione segue le polemiche sulle cene private sostenute con la carta di credito comunale.

La tempesta di "mafia capitale" e i funerali del boss mafioso Vittorio Casamonica non erano bastati. Dopo una giornata campale, il primo cittadino della capitale italiana ha dovuto soccombere sotto il peso degli scontrini di "cene di lavoro" che tali però non erano. Marino ha tenuto duro, solo contro tutti. L'hanno abbandonato - rassegnando le dimissioni - il vicesindaco Marco Causi, l'assessore ai Trasporti Stefano Esposito e l'assessore al turismo, Luigina Di Liegro.

In Piazza del Campidoglio, trasformata in una sorta di stadio con i sostenitori del sindaco da una parte e le opposizioni dall'altra, la notizia è sta accolta con il coro "tutti a casa".

Giunta riunita a Roma. Fuori c'è chi dice #gameover
Giunta riunita a Roma. Fuori c'è chi dice #gameover (Keystone)
Giunta riunita a Roma. C'è chi dice
Giunta riunita a Roma. C'è chi dice "non mollare" (Keystone)

Marino ha ancora 20 giorni di tempo per ritirare le dimissioni, presentate dopo il pressing del Partito democratico: "Non è astuzia la mia - ha affermato -. È la ricerca di una verifica seria, se è ancora possibile ricostruire queste condizioni politiche".

Se e quando le dimissioni diverranno effettive, il prefetto nominerà un commissario fino allo scioglimento del Consiglio comunale. Successivamente verrà nominato un commissario straordinario, il quale dovrà affrontare anche l'impegno del Giubileo che inizierà in dicembre. Le elezioni si dovrebbero invece tenere in primavera.

ANSA/Red.MM

Dal TG20:

Roma, Marino si è dimesso da sindaco

Roma, Marino si è dimesso da sindaco

TG 00:40 di venerdì 09.10.2015

Condividi