"Sono stata vittima di un’enorme ingiustizia", ha detto Rousseff (reuters)

Rousseff: "È un colpo di Stato"

La presidente brasiliana chiede al popolo di mobilitarsi contro la sua sospensione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Non avrei immaginato di dover lottare contro un altro colpo di Stato in Brasile". Sono queste le parole di  Dilma Rousseff dopo il voto del Senato di giovedì che ha approvato la sua messa in stato d'accusa per aver manipolato i conti pubblici, sospendendola così dall'incarico di presidente, assunto a interim dal vicepresidente Michel Temer, che renderà presto nota la lista dei ministri del suo Governo.

Sostenitori di Dilma Rousseff all'esterno del palazzo presidenziale
Sostenitori di Dilma Rousseff all'esterno del palazzo presidenziale (reuters)

Durante una conferenza stampa convocata prima di lasciare il palazzo presidenziale, all’esterno del quale è stata accolta dagli applausi di incoraggiamento dei suoi sostenitori, Rousseff ha assicurato che si batterà con ogni mezzo legale contro quello che ha definito un sabotaggio e una farsa politica e giuridica.

 

"Ho commesso errori, ma mai nessun crimine. Sono stata vittima di un’enorme ingiustizia", ha ribadito e ha poi invitato i brasiliani a mobilitarsi. "Quello che è in gioco non è il mio mandato, ma il rispetto delle urne, della sovranità del popolo e della Costituzione".

ats/reuters/ZZ

Dal TG20:

Impeachment per Dilma Rousseff

Impeachment per Dilma Rousseff

TG 20:02 di giovedì 12.05.2016

Da Rio de Janeiro, Emiliano Guanella

Da Rio de Janeiro, Emiliano Guanella

TG 20:02 di giovedì 12.05.2016

Chi è Michel Temer

Chi è Michel Temer

TG 20:02 di giovedì 12.05.2016

Condividi