Sale la tensione in Catalogna

Scioperi e strade bloccate a Barcellona: una folla immensa per le vie della città. Una decina le persone arrestate, di cui due minorenni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sale la tensione in Catalogna, la polizia nazionale spagnola ha arrestato una decina di manifestanti, due dei quali minorenni, dopo aver disperso con delle cariche, fumogeni e proiettili di gomma un gruppo che stava lanciando oggetti di ogni genere davanti al quartier generale della polizia. Lo riferisce l'agenzia spagnola Europa Press.

Pronti per intervenire
Pronti per intervenire (ansa)

Migliaia di persone - secondo la polizia municipale sono circa 525'000 - in corteo e molte strade bloccate a Barcellona, dove cinque colonne di manifestanti sono arrivati da tutta la regione autonoma spagnola per partecipare alla manifestazione indetta dai sindacati indipendentisti per protestare contro la sentenza che lunedì ha condannato 12 leader dell'indipendentismo a pene fino a 13 anni di carcere. Gli accessi principali su strada a Barcellona sono interrotti. Una ventina le arterie interessate. All'aeroporto di Barcellona sono stati cancellati 57 voli dei quasi 1'000 previsti.

 

Le immagini riprese dall'alto e trasmesse in diretta dai siti di informazione iberici mostrano comunque un assembramento pacifico di migliaia di persone, con centinaia di bandiere della Catalogna. E il centro della capitale catalana è completamente bloccato dai manifestanti.

Il corteo sulla Diagonal
Il corteo sulla Diagonal (reuters)
Barcellona invasa dai manifestanti
Barcellona invasa dai manifestanti (reuters)
La folla a Barcellona
La folla a Barcellona (reuters)

Intanto, in Belgio, dopo essersi presentato volontariamente alle autorità, Carles Puigdemont è stato rilasciato. "Sono stato rilasciato senza cauzione, resto a disposizione della giustizia belga. Non lascerò il Paese", ha detto ai media l'ex presidente della Catalogna.

ats/joe.p.

Condividi