Scontro sui tempi della crisi

La situazione si fa sempre più ingarbugliata in Italia. Il premier Conte parlerà solo il 20 agosto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La situazione si fa sempre più ingarbugliata in Italia. Con sviluppi difficilmente prevedibili. La conferenza dei capigruppo del Senato italiano ha deciso a maggioranza di convocare l'aula per domani, martedì, alle 18.00 per decidere sul calendario della crisi. Il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, parlerà invece a Palazzo Madama solo il 20 agosto.

 

Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia avrebbero preferito riunirsi già mercoledì 14 agosto, per ascoltare Conte e anticipare il voto sul Governo il più possibile. Ma la loro proposta non è passata. Parallelamente, continuano i confronti tra le varie forze politiche per decidere le mosse future. Matteo Salvini incontrerà a breve Silvio Berlusconi per arrivare all’accordo su un’eventuale alleanza elettorale. Il leader della Lega insiste per tornare alle urne il prima possibile.

 

Nel M5S c’è chi vorrebbe tornare al voto, ma si fa strada anche l’ipotesi di trovare un accordo con il PD per un Governo di scopo, che approvi la manovra al taglio dei parlamentari e pochi altri provvedimenti, per poi votare tra un anno; anche se nel pomeriggio di lunedì Luigi Di Maio ha respinto quest’idea.

Infine il PD, diviso tra chi come il segretario Zingaretti vuole tornare a votare, e Matteo Renzi, che spinge per un accordo con in Cinque Stelle e sarebbe pronto anche ad uscire dal partito.

 
ATS/RG/MarGù
Condividi