Combattenti ribelli siriani sostenuti dalla Turchia nella città di Tell Abiad (reuters)

Siria, l'UE condanna la Turchia

I Paesi membri preparano sanzioni contro Ankara, ma nessun embargo sulle armi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'Unione Europea condanna le operazioni militari della Turchia nel nord della Siria "che compromettono gravemente la stabilità e la sicurezza dell'intera regione", si legge in una nota diffusa lunedì dai ministri degli affari esteri riuniti a Lussemburgo.

RG 12.30 del 14.10.19: L'Europa può fare poco. La corrispondenza di Tomas Miglierina
RG 12.30 del 14.10.19: L'Europa può fare poco. La corrispondenza di Tomas Miglierina
 

Come risposta all'offensiva, l'UE sta preparando sanzioni contro le perforazioni petrolifere di Ankara al largo di Cipro giudicate illegali. Per quanto riguarda l'esportazione di armi verso la Turchia, invece, non è stato deciso nessun embargo. Secondo fonti diplomatiche, a opporsi sarebbe stato il Regno Unito, richiamando l'appartenenza della Turchia alla NATO, dove vale il principio della "legittima difesa collettiva". L'Italia, che è uno dei principali fornitori di armi di Ankara, domenica ha chiesto una moratoria europea, mentre Germania e Francia hanno annunciato sabato il rispettivo stop alla vendita.

 

L'Unione Europea ha chiesto anche che venga convocata una riunione ministeriale della coalizione internazionale contro l'IS, per valutare come gestire la situazione. La Turchia e gli Stati Uniti sono membri di questa coalizione, per la quale hanno combattuto anche i curdi, ora bersaglio del presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

 

Lanciata lo scorso 9 ottobre, l'offensiva di Ankara mira a creare una "zona cuscinetto" profonda 32 chilometri nel nord della Siria, per separare il confine turco dai territori controllati dai curdi, definiti "terroristi" da Erdogan. A rendere possibile l'operazione ha contribuito il ritiro delle truppe americane. Nel frattempo, però, in Siria è in corso un riassetto delle alleanze, che vede l'entrata in campo delle forze di Damasco.

AFP/eb

Per saperne di più: Assad presidia il confine turco.

UE condanna, ma non troppo

UE condanna, ma non troppo

TG 20 di lunedì 14.10.2019

 
Condividi